sabato 9 settembre 2017

ERRARE HUMANUM EST, PERSEVERARE...


Care amiche e cari amici Informati, vi è mai capitata una di quelle giornate storte che non ne azzeccate una? Che si rompe il rasoio elettrico mentre vi fate la barba, poi vi macchiate la camicia di caffè mentre andate al lavoro, trovate una coda assurda al semaforo che comporterà un ritardo e voi avete fretta e che poi al verde arriva uno e vi tampona, il tutto nella prima ora della vostra giornata? Sono casi eccezionali, rari ma esistono e sono capitati un po' a tutti. Poi c'è l'eccezione, colui che nasce segnato dal destino stile nuvoletta di pioggia e che non ne azzecca una quasi ad emulare l'ormai compianto Fantozzi. Ma c'è l'eccezione all'eccezione, quella da fuori concorso per mancanza di concorrenti, l'eccezione segnata da un destino crudele, l'eccezione che tramuta in sbagliato ciò che verrebbe spontaneamente corretto. Naturalmente, cari informati, l'eccezione a cui faccio riferimento è alla Provincia di Bolzano ed all'ennesima figura che non saprei come definire, mi conviene chiedere aiuto all'Accademia della Crusca. Per le mancate vaccinazioni, la provincia ha sanzionato almeno 200 utenti così come previsto dalla normativa vigente o nel caso in esame previgente, perché le sanzioni contestate sono state elevate dopo la scadenza ovvero dopo l'abrogazione della legge sull'obbligatorietà dei vaccini, sostituita adesso dalla famigerata legge 119/2017, quella della Lorenzin tanto per intenderci. Multe emesse erroneamente; direttore sanitario f.f. nominato arbitrariamente; interminabili liste d'attesa fuori da qualsiasi logica amministrativa; cause civili per errori nelle prestazioni mediche oppure per irregolarità riscontrate nei concorsi; delibere di giunta provinciale ad personam; mancata vaccinazione di circa 30.000 bambini; medici che esercitano senza specializzazione; sperpero di denaro pubblico puntualmente sanzionato dalla Corte dei Conti; esose ed alquanto inutili consulenze e mancata trasparenza nella gestione della cosa pubblica; ripetuta e persistente violazione delle pari opportunità legate alla tutela delle minoranze linguistiche circa la produzione di pagelle scolastiche e/o cartelle cliniche nonché carenza di medici per via di regole vessatorie, atte a favorire un'appartenenza linguistica piuttosto che un'altra; se me ne sono dimenticata qualcuna potrete segnalarla in un post nella bacheca; queste sono le regole che confermano l'eccezionalità della Provincia di Bolzano, non ne azzeccano una neanche a pagarla ma la cosa preoccupante e che per alcune di esse, non ci metterei la mano sul fuoco sulla loro natura che non credo sia casuale. Insomma, la wonderland che fa dell'affidabilità uno dei suoi punti di forza, si scopre essere distratta, fragile ed incompetente stando alla denuncia del consigliere Poder. Certo non ci fanno una bella figura e credo che un'altra tegola del genere non giovi assolutamente al megasuperdirettoregalattico Schael, per lui ogni giorno che passa diventa sempre più una pessima giornata. A presto care amiche ed amici Informati e non dimenticate di lasciare un commento.

Nessun commento: