domenica 25 marzo 2018

PERCHÉ NASCE BOLZANO IN VERITAS.


Molti di voi hanno chiesto il perché di questo nuovo gruppo FB denominato Bolzano in Veritas (BiV), qual è la tematica che verrà affrontata oppure se avrà un colore politico. Bolzano In Veritas, a differenza di come potrebbe apparire, non nasce in contrapposizione al gruppo FB “Bolzano in Comune”, che risulta essere quello più seguito a livello locale, nasce dall’esigenza di coinvolgere persone e personaggi in una più ampia dialettica volta a condividere e, se ce ne è la forza, anche a denunciare fatti e misfatti che quotidianamente ci troviamo ad affrontare a Bolzano ed in Italia in genere. Tutto ciò senza vincoli, senza aver paura di censure, senza alcuna restrizione, quant’è vero non c’è bisogno di approvazione per pubblicare o condividere i vostri post. Noi non siamo "voci libere" che usufruiscono di finanziamenti o che promuovono attività personali a scopo di reddito o per compiacere il feudatario di turno. 
Sto utilizzando le pagine del mio blog perché è necessario che voi sappiate da dove siamo partiti, cosa abbiamo fatto, cosa vogliamo fare e dove vogliamo arrivare. Il tutto nasce da una questione personale, la storia di Costantino Gallo che è la storia di Papà Italiano Pagella Tedesca (leggi post), fatta di cartelle cliniche, di sentenze di tribunali disattese, di concorsi “artefatti”, insomma di ingiustizie personali subite a Bolzano. Quella che sembrava essere una storia anonima e personale, si è rivelata invece essere molto più vasta di quel che appariva, molti ci hanno contattato per via di un destino che ci accumuna ed è da qui che è nata una rete di persone ed idee. Abbiamo provato a coinvolgere nelle nostre argomentazioni ed azioni anche alcuni parlamentari, a mo’ di patrocinio, perché scontrarsi con la realtà dell’Amministrazione Bolzanina è come cercare di afferrare il fumo a mani nude, ma questa soluzione è risultata totalmente inutile. Successivamente è nato il blog de “L’Informatore”, nelle cui pagine non ci siamo certo risparmiati in denunce circostanziate supportate da prove, oppure di portare all’attenzione dell’opinione pubblica accadimenti che altrimenti sarebbero passati inosservati. L’unica cosa possibile da fare era quella di uscire allo scoperto mettendoci direttamente la faccia, la dignità e tutto il bagaglio di esperienza e professionalità in nostro possesso a corredo delle nostre azioni; oggi siamo una forza prorompente, compatta e che non si ferma davanti a niente ed a nessuno. Siamo aperti a tutti, collaboriamo con tutti e siamo disponibili con tutti, chiunque esso sia; la nostra azione, che va dalla sanità alla gestione dell’apparato amministrativo, dagli appalti al mondo del lavoro, è certificata dai risultati ottenuti. Anche se sono dichiaratamente un attivista del M5S, qui non vedrete bandiere pentastellate, ulivi, garofani, spade “giussaniane”, testuggini o tricolori, qui troverete onestà non perché lo dice Beppe Grillo, qui troverete onestà perché fa parte del nostro bagaglio culturale, del retaggio ereditato dalle nostre famiglie. Abbiamo bisogno di gente che contribuisca a dare ordine alle cose, che ci aiuti a restituire la dignità a chi l’ha perduta, la voce a chi viene zittito, gli occhi a chi è stato bendato. Questo siamo noi. Questo è Bolzano In Veritas.

Nessun commento: